Torna indietro

Chiesa di Santo Stefano - sec. XVII

La Chiesa di Santo Stefano, eretta nel XVII secolo, domina dall’alto la deliziosa Piazza Umberto I, “la piazzetta” famoso simbolo dell’Isola di Capri, conosciuto in tutto il mondo al pari dei Faraglioni. Si raggiunge l’edificio salendo la scalinata che lo congiunge alla suddetta Piazza; esso, costruito sui resti di un antico monastero benedettino, fu progettato dall'architetto Francesco Antonio Picchiatti ed eseguito dal mastro muratore Marziale Aniello Desideri. La Chiesa fu sede vescovile fino al XIX secolo, in sostituzione della Chiesa di San Costanzo. La facciata, con pinnacoli e volute, rispetta i canoni dello stile barocco; il bellissimo portale ligneo, invece, risale al XVIII secolo, e la vetrata sopra il portale al 1973. L’interno, ornato da arabeschi e linee flessuose, è a croce latina, diviso in tre navate e con quattro cappelle su ogni lato. L’altare in marmo e il retrostante organo dorato sono stupendi, così come la preziosa statua di San Costanzo, realizzata in argento, zaffiri e granati, collocata nel corridoio sinistro che conduce in sagrestia. Del Santo Patrono sono qui custodite anche le reliquie, nell’altare del transetto sinistro. Inoltre, sono capolavori da ammirare la Cappella del Crocifisso, nella quale ci sono le tombe degli Arcucci e di Madre Serafina, e la pala d’altare Madonna col bambino e i Santi Michele e Antonio da Padova del XVI secolo. A breve distanza dalla Chiesa di Santo Stefano è possibile visitare un altro meraviglioso edificio religioso vero gioiello di Capri: la Certosa di San Giacomo. Indirizzo: Piazzetta Ignazio Cerio 80073 Capri - (NA)